2 Giugno 1968

2 Giugno 1968: una data indimenticabile per il calcio mesagnese.

CLASSIFICA FINALE

Mesagne 43, Manduria 42, Galatina 42, Carmiano 38, S.Pietro V.Co 37, Ostuni 37, Tricase 35, Francavilla 34, Grottaglie 30, Squinzano 28, Massafra 27, Leverano 24, Galatone 23, Sandonaci 17, S.Giorgio J. 12, Scorrano 5.

SQUINZANO-MESAGNE 1-2

SQUINZANO: Capeto, Paticchio, Spanu; Molendini, Martina, Petrachi; Serio, D’Elia, Gallo, De Giorgi, Parato. ALL. Carmelo Russo

MESAGNE: Chirico, Agrosì, Lagioia; Perruccio, Potì, Pison; Molinari, Mallardi, Capilungo, Distante, Felicani. ALL. Onofrio Fusco (Presidente Enzo Pettrograsso)

Arbitro: Papponitti di L’Aquila

Note: Calci d’angolo 5-4 per lo Squinzano; Spettatori 2 mila; incasso un milione circa.

Biglietto di Squinzano-Mesagne del 2 Giugno 1968

“Il Mesagne è in D, anche se con lo Squinzano non ha disputato una bella partita. La sicurezza della capolista, sostenuta da un gran numero di tifosi provenienti da Mesagne, non ha messo in difficoltà la squadra di casa che ha constantemente controllato gli attacchi, riuscendo a rendersi pericolosa con frequenti azioni. Nella ripresa la fisionomia della partita non è cambiata. Al 10′ il Mesagne ha segnato con un bel tiro di Mallardi da fuori aria. Dopo quest’azione l’arbitro espelle ben 3 giocatori dello Squinzano (Gallo, Molendini e Martina). L’inferiorità numerica ha fatto aumentare l’impegno dello Squinzano che ha dominato per tutta la durata della ripresa e al termine dell’orario ha pareggiato con una bella rete di De Giorgi. Al 49′ in una mischia un difensore dello Squinzano, o forse il giocatore del Mesagne Potì, ha sospinto il pallone in rete”. Da LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

IL MESAGNE TRIONFATORE, MATTATORE E CAMPIONE DI PUGLIA

Il nostro Mesagne così, 40 anni fa, riuscì ad ottenere per la prima volta nella sua storia una promozione in serie D, obiettivo raggiunto nuovamente nel campionato 1983/84. La promozione del 1968 si concretizza dopo un campionato molto tirato che conservò il fascino dell’incertezza fino all’ultimo minuto. Nel primo scorcio di quella stagione il Mesagne del presidente Pettograsso riuscì ad inserirsi fra le grandi che aspiravano alla difficile vittoria finale. Alla guida della classifica si era già formato un gruppetto di tre squadre: Mesagne, Galatina e Manduria che sportivamente continuavano a battersi, contendendosi l’insegna del primato. La nostra squadra, quindi, superando lo Squinzano nelle ultime battute di gioco, ce l’aveva fatta. Il grande sogno da tanto tempo inseguito, finalmente era stato realizzato. Grande e giustificato il tripudio degli sportivi mesagnesi, che sempre avevano seguito la squadra nelle trasferte più impervie, ed avevano sofferto e gioito per tutto il campionato insieme ai loro atleti. La nostra squadra, quindi, partita senza pretese, riusciva a raggiungere questo grande risultato, insieme al titolo di campione regionale (sotto nella foto la premiazione), conseguito con merito, dopo aver battuto nettamente il Bitonto. Ovviamente merito di tutti, in particolare della compattezza della squadra e di quel gruppo di dirigenti che riuscirono a costruire un grande Mesagne. Un campionato che può essere paragonato a quello della stagione 2006/07, dove anche allora la squadra giallo-blù partiva con gli sfavori dei pronostici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*