L’eccellenza e le due squadre

LA VENDITA DEL TITOLO  FINO AD OGGI

ASD Mesagne 2007/08; da sx: Disantantonio, Coppola, Potì, De Giorgio, Frascaro, Carlucci, Di Nota, Minelli, Amadou, Koffi, Fraticelli

2007/08: La nuova stagione, dopo la trionfale vittoria del campionato di Promozione, vede la città di Mesagne per la prima volta nel campionato di Eccellenza. Confermato mister Marangio, si provvede ad allestire una buona squadra che possa raggiungere la salvezza; in giallo-blù arrivano i vari Amadou, Quercia, Margiotta, Amato, Potì, De Filippi ed Escobar. Lo storico esordio è in quel di Copertino con il risultato di 0-0. La stagione, però, è fortemente condizionata dall’indisponibilità del nuovo stadio in contrada Tagliata (si giocheranno solo due partite, Mesagne-Bisceglie e Mesagne-Leonessa A., con due vittorie per i giallo-blù) e dall’inagibilità per il campionato di Eccellenza del Comunale di Via Sasso; per questo motivo, il Mesagne giocherà la maggior parte delle proprie partite interne sui vari campi della provincia: Brindisi, Francavilla, Latiano e Erchie. Il campionato, nonostante la buona squadra allestita, inizia male e dopo 6 giornate il presidente Todisco decide di cambiare larga parte della squadra, ridimensionando i costi di gestione con i tagli di alcuni giocatori. La stagione procede miseramente nei bassi fondi della classifica, con mister Marangio che viene esonerato per far posto al duo Orlandini – Danieli che siederà sulla panchina mesagnese solo per una giornata. Con il ritorno di Marangio e con alcuni nuovi acquisti, la squadra, tra problemi societari vari, riesce a compattarsi per poter raggiungere almeno una buona posizione in vista dei play-out. Play-out che decreteranno la sudata salvezza per il Mesagne che, l’11 Maggio 2008 sul neutro di Latiano, manda in Promozione la Toma Maglie con un 1-0 allo scadere, dopo lo 0-0 dell’andata.
2008/09:
Conquistata la salvezza nel campionato di Eccellenza, l’estate 2008 del Mesagne calcio si preannuncia piuttosto calda. Tra poca chiarezza e tanta incertezza, iniziano a trapelare voci che vedono il titolo di Mesagne verso la cessione in una città limitrofa. Puntualmente le voci e le “minacce” di vendita del presidente Todisco vengono confermate e così la città di Mesagne perde la possibilità di disputare nuovamente il campionato di Eccellenza, per far posto alla neonata Boys Brindisi che ne acquista il titolo. Grande è la delusione e lo sgomento nella maggior parte dei tifosi e della città, che non accetteranno mai questo epilogo manifestando sempre il loro dissenso verso la dirigenza e l’amministrazione per i modi che ne hanno caratterizzato la vendita. Nasce così, tra lo scambio di titoli, l’Atletico Mesagne che nella nuova stagione disputerà il campionato di Prima Categoria gir. B. Presidente sempre Todisco, in panchina arriva l’ex Roberto Calabrese con i vari Caraccio e Pella. La tifoseria si spacca, tra chi decide di seguire lo stesso la  Prima Categoria con nuova denominazione ma con stessa dirigenza e chi, per protesta, decide di disertare le tribune. Si allestisce comunque un’ottima squadra che permetterà all’Atletico Mesagne di vincere meritatamente il campionato, arrivando primo sopra alle favorite Martina e Rutigliano. Si ritorna in Promozione.

Stemma ASD Mesagne 1929

2009/10: Con l’Atletico Mesagne in Promozione, in città si inizia a parlare di una nuova società; quei tifosi che avevano disertato in Prima e che non credevano più in Todisco e nella sua dirigenza, infatti, hanno cercato di coinvolgere, con passione e caparbietà, alcuni imprenditori in modo da costruire un nuovo progetto calcistico in nome dell’ormai vicino ottantennale. Grazie all’acquisizione dei titoli sportivi del San Pancrazio, quindi, nasce il Mesagne 1929 che disputerà anch’egli il campionato di Promozione nello stesso girone dell’Atletico.

La tribuna nel derby di ritorno, terminato 0-0

La nuova società del 1929, con presidente Ivo Tamburrano e main-sponsor Villa Iris, sembra avere una marcia in più; in città, grazie al suo ambizioso progetto, ha creato rinnovato entusiasmo, costruendo una squadra che punta ai vertici della classifica, dando fiducia al mister mesagnese Gianni Danieli. L’Atletico, dal canto suo, costruisce una squadra che possa ben figurare con la conferma di mister Calabrese.
Il campionato va come previsto e, dopo il girone di andata, il Mesagne 1929 è ad un solo punto dalla capolista Racale, mentre l’Atletico Mesagne del nuovo mister Terzaroli lotta per evitare i play-out. Dopo l’allontanamento dal primo posto, il Mesagne 1929 decide di esonerare Danieli e di chiamare in panchina Rodolfo Conte, ex giocatore del Mesagne negli anni ’60, che siederà sulla panchina mesagnese per solo 8 giornate per far spazio al ritorno di mister Danieli. Il campionato della neonata società si conclude sotto le più rosee previsioni con l’ottavo posto in classifica, causa anche problemi societari; l’Atletico Mesagne, invece, riuscirà ad ottenere la permanenza in Promozione solo dopo i play-out. I derby, 4 in totale tra Coppa e campionato, si concluderanno con 3 vittorie per il Mesagne 1929 e un pareggio.
2010/11:
Da questa stagione, sarà il Mesagne 1929 a rappresentare i colori giallo-blù nel campionato di Promozione; l’Atletico Mesagne, infatti, non si iscrive al nuovo campionato e viene così radiato. Durante l’estate c’è il cambio societario per il 1929, che passa a Massimiliano Oggiano che diventerà il nuovo presidente del Mesagne.
Si allestisce una squadra che possa puntare ad una tranquilla salvezza, con in panchina il confermato Gianni Danieli che sarà, però, sostituito dall’ex Claudio Pellegrino dopo una serie di risultati negativi. Tra alti e bassi, dunque, e molti problemi societari, il Mesagne 1929 conclude il proprio campionato di Promozione al 10° posto.
2011/12:
Ancora una fallimento nel panorama calcistico mesagnese. Il Mesagne 1929, infatti, non riesce ad iscriversi al campionato di Promozione e Mesagne così resta senza calcio.
Solo nelle ultime ore decisive si riesce ad escludere la totale assenza del calcio, con l’acquisizione del titolo di Prima Categoria del Boys Brindisi, che dopo 3 anni ritorna a Mesagne (allora, però, era eccellenza). Il Boys Mesagne del neo presidente Devicienti, parteciperà al campionato di Prima Categoria gir. C con Espedito Chionna allenatore che sarà esonerato dopo poche giornate per far spazio al ritorno di Gioacchino Marangio.

(ricordiamo che le foto e il materiale presente non sono assolutamente riproducibili senza l’autorizzazione del resp. del sito .email.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*